Ostinato impegno, al vostro servizio

edoardo_fanucci_news_sitoTorno a scrivere dopo un po’ di tempo, ma con l’entusiasmo e il sorriso di sempre. Molte novità e tanti progetti che meritano, a mio avviso, di essere condivisi con chi avrà tempo e voglia di leggermi e, nel caso, di continuare a seguirmi.
ITALIA VIVA
Ho deciso di rimanere con Matteo Renzi, coerente con i miei valori e con i miei ideali. Il progetto di Italia Viva è coraggioso e ambizioso, non è contro qualcuno o qualcosa, ma è per cambiare le cose, in meglio, rispetto a come sono oggi.
RADICALITÀ E CHIAREZZA
• Le famiglie al centro, le tasse in soffitta. Asili nido gratis per tutti e riduzione della pressione fiscale per famiglie e piccole e medie imprese. Resuscitiamo il ceto medio, ad oggi sembra scomparso nella palude di una crisi che sembra non finire mai.
• Investimenti pubblici e privati per rimettere in moto l’economia e tornare a crescere. Opere pubbliche già finanziate (si parla di 120 miliardi certificati dalla Ragioneria di Stato), ma bloccate dalla burocrazia. Sblocchiamo i cantieri, liberiamo energia!
• Il lavoro, la priorità tra le priorità. Serve un piano straordinario per combattere la disoccupazione giovanile e per dare una seconda opportunità a chi ha perso la propria occupazione, ma è troppo vecchio per ricollocarsi e troppo giovane per andare in pensione.
SERIETÀ E CONCRETEZZA
• Superamento di quota 100 e abolizione del reddito di cittadinanza. L’Italia è una Repubblica Democratica fondata sul lavoro, non sul reddito. Togliere risorse e opportunità ai nostri giovani è un errore che non ci possiamo permettere. Rimettiamo le cose al suo posto: torniamo al reddito di inclusione per chi è in difficoltà e costruiamo una staffetta generazionale tra chi entra nel mondo del lavoro e chi ne esce. Insieme, si può!
REGIONE TOSCANA
Con Eugenio Giani, senza se e senza ma. Per cambiare marcia, senza cambiare rotta, serve una scossa. La discontinuità con Enrico Rossi non può e non deve essere un tabù. Da Montecatinese, non aver visto risolto il problema delle Terme di Montecatini, dopo i mille proclami e le mille promesse del Presidente Rossi è una ferita aperta. Per questo scenderò in Piazza, a fianco dell’amico albergatore Stefano Pucci, il 10 febbraio. Chiediamo attenzione e risposte, non pacche sulle spalle e facili promesse. La Regione Toscana è il socio di maggioranza di una società, le Terme, che danno lavoro ad un comprensorio e ne caratterizzano identità e vocazione. Adesso basta, vogliamo risposte!
La riduzione della pressione fiscale e il rilancio degli investimenti sono importanti a livello locale quanto a livello nazionale.
• Aeroporto di Firenze, il simbolo di un immobilismo senza fine. Cosa fare? Procedere senza infingimenti con la nuova pista e con il suo più complessivo potenziamento.
• Raddoppio della ferrovia da Pistoia a Lucca, avanti tutta. Cosa fare? Terminare speditamente il primo lotto (Pistoia-Montecatini Terme), partire velocemente con i lavori del secondo lotto (Pescia-Lucca), avviare un piano per la realizzazione del c.d. “terzo lotto” da Montecatini Terme a Pescia. Non è pensabile, nel 2020, immaginare di aver investito 450 milioni per raddoppiare i binari da Pistoia e Lucca e trovarsi con un tratto importante a binario unico, con passaggi a livello, tra Montecatini Terme e Pescia.
• Rotatorie al Casello Autostradale di Montecatini Terme. Un’opera di strategica, finanziata da tempo, ma bloccata da azzeccagarbugli e futili impedimenti. Anche grazie al mio impegno da Parlamentare del territorio siamo un passo dall’avvio dei lavori. Serve un’ultima spinta, crediamoci, insieme!
QUALE FUTURO?
È il titolo del mio nuovo libro, una pubblicazione che ho curato insieme al collega e amico prof Giorgio Scrofani, un’occasione di approfondimento e ricerca di proposte e soluzioni rispetto alla condizione di precarietà che vivono in nostri ragazzi. Alla lamentazione, preferisco, da sempre, l’azione. Per questo ho deciso di investire sulla forza delle loro idee trovando, nel libro, un’occasione editoriale per valorizzarle.
Avrò modo di presentarlo in giro per la Toscana e per l’Italia, sarà un’avventura fantastica, non vedo l’ora! Per ordinare il libro, edito da Rubbettino, e per organizzare presentazioni non esitate a contattarmi tramite il mio recapito personale 3478582588 e la mia casella di posta elettronica edoardofanucci@hotmail.it.
Un’occasione per fare la differenza e crescere, mano nella mano, occhi negli occhi, con la testa e con il cuore.

Grazie per attenzione, sostegno e supporto
Edoardo Fanucci

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Share on TumblrShare on LinkedInPin on PinterestEmail this to someonePrint this page

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.


− uno = 5

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

email-32facebook-43wikipedia youtube-21