Newsletter: speciale edilizia scolastica

STUDENTI

“Noi pensiamo che non ci sia politica alcuna che non parta dalla centralità della Scuola. Occorre tornare a credere che l’educazione sia davvero il motore dello sviluppo”.  (Matteo Renzi, discorso di insediamento del governo al Senato)

Cara amica, caro amico,

l’impegno di Matteo Renzi in favore dell’istruzione è straordinario. Il governo – complessivamente – ha assegnato alle scuole della Provincia di Pistoia 6.738.539€ per interventi di edilizia scolastica: un risultato straordinario, che testimonia un’attenzione e una disponibilità senza precedenti.

Dotare il Paese di una “Buona Scuola” è la migliore garanzia per realizzare innovazione, sviluppo e una democrazia sempre più forte. Il primo obiettivo è rimettere l’educazione dei ragazzi al centro della Politica.

Lo scorso 5 febbraio, il Presidente del Consiglio ha scritto una lettera a tutti i sindaci d’Italia (puoi leggerla a questo indirizzo) per rilanciare con nuove risorse il progetto #SbloccaScuole. Mercoledì 27 aprile, Matteo Renzi ha formalmente firmato il decreto che assegna ai Comuni 480 milioni di euro per interventi da destinare all’edilizia scolastica.

Alle scuole della provincia di Pistoia viene assegnato più di 1 milione di euro:

Agliana: 310.879 € 
Chiesina Uzzanese: 17.764 €
Larciano: 99.925 €
Marliana: 25.110 €
Montecatini Terme: 28.649 €
San Marcello Pistoiese: 55.514 €
Ente Provincia di Pistoia: 541.000 € 

Queste risorse si aggiungono ai 344 milioni precedentemente stanziati dal governo, grazie ai quali 454 Comuni e 107 Province e Città Metropolitane hanno potuto finanziare la ristrutturazione degli istituti o la costruzione di nuove scuole. Con le precedenti risorse, in provincia di Pistoia sono stati attivati questi interventi:

Monsummano Terme: 676.000 €
Montale: 550.000 €
Agliana: 360.000 €
Pieve a Nievole: 73.000 €
Massa e Cozzile: 48.000 €
Chiesina Uzzanese: 35.000 €

Grazie alle possibilità offerte dal decreto mutui del governo, inoltre, sono già state stanziate risorse per:

Lamporecchio: 196.581 €
Pescia: 700.000 €
Massa e Cozzile: 1.384.000 €
Pescia: 1.226.000 €
Ponte Buggianese: 411.117 €

Questi finanziamenti consentiranno di realizzare nuove scuole e di ristrutturare e rendere migliori quelle già esistenti. Matteo Renzi sta mantenendo la parola: investire maggiori risorse nella scuola era un impegno che ha assunto fin dalla campagna delle primarie.

MASSA E COZZILE: AL VIA I LAVORI PER LA NUOVA SCUOLA 

Sono partiti i lavori per la nuova scuola dell’Infanzia di Massa e Cozzile. L’opera sarà pronta per accogliere i bambini già a settembre, in tempo per l’avvio del nuovo anno scolastico. Si tratta di un traguardo fondamentale, di un impegno assunto dalla politica e portato a termine con successo. Una grande soddisfazione, per la quale dobbiamo ringraziare il sindaco Marzia Niccoli, instancabile e sempre determinata nell’impegno per favorire il buon esito della vicenda.

La costruzione dell’opera (il costo complessivo è 1.900.000 euro) è stata resa possibile grazie dal decreto mutui del governo, dal sostegno economico della Fondazione Caript e dalle risorse a disposizione nel bilancio comunale: uno straordinario e positivo lavoro di squadra. Insieme al sindaco Niccoli, infatti, abbiamo collaborato fin dal primo giorno per sollecitare l’impegno del governo: uno straordinario e positivo lavoro di squadra.13083303_1723403024610444_6125411781982176190_n-600x460

Nel nuovo Polo scolastico di Massa e Cozzile, sorgerà una struttura di 1.400 metri quadrati in grado di ospitare cinque classi, 150 alunni, la sala mensa e uno spazio per le attività libere. Nei giorni scorsi, ho avuto modo di svolgere un sopralluogo allo spazio dove sorgerà la scuola. Grazie all’utilizzo delle più moderne tecnologie, i lavori per la costruzione saranno molto rapidi e la gestione della struttura più semplice. La scuola sarà realizzata con impianti moderni di bioedilizia, in modo da garantire il risparmio energetico, la sostenibilità ambientale e il rispetto delle norme di sicurezza. Il progetto è concepito per assicurare la piena tutela verde. Nessun albero sarà abbattuto e l’edificio si inserirà in modo armonico nel contesto urbano. 

MONSUMMANO TERME: LA NUOVA SCUOLA NEGLI SPAZI DELL’EX TRIBUNALE

La nuova scuola di Monsummano Terme sorgerà nello spazio che un tempo ospitava il tribunale. Si tratta di un ottimo esempio di come la spending review possa rappresentare un’opportunità per tagliare la spesa improduttiva e migliorare i servizi. In seguito alla chiusura del tribunale, infatti, realizzata per contenere i costi, la struttura è stata ristrutturata e, molto presto, sarà pronta ad accogliere 200 piccoli studenti.

I lavori sono iniziati 7 mesi fa ed oggi sono già ad un ottimo punto. L’ingresso principale di via Cavour, gli interventi nel seminterrato e nei due piani interni sono completamente realizzati. Nei prossimi giorni, sarà ultimato anche il parcheggio e, a settembre, l’Istituto sarà pronto per l’inaugurazione. L’intervento è stato possibile grazie all’impegno encomiabile dell’amministrazione comunale e allo sblocco del Patto di Stabilità da parte del governo, che ha reso disponibili 700.000 euro. 10828039_1540375176246564_5312120563795737729_o-600x339

Nel gennaio dello scorso anno, il sottosegretario all’Istruzione Davide Faraone ha visitato il cantiere, con l’obiettivo di confermare la vicinanza del governo, che ha seguito e condiviso il progetto passo dopo passo. È davvero un orgoglio poter restituire alla città un immobile riqualificato e ammodernato, grazie al quale centinaia di bambini potranno imparare, giocare e stare insieme.

MONTALE: AVANTI CON L’IMPEGNO PER LE SCUOLE 

Lo scorso 12 aprile, sono stati inaugurati i nuovi infissi e la nuova recinzione alla scuola media “Melani” di Montale. Gli interventi sono stati realizzati con il contributo decisivo della Fondazione Caript che ha accolto e finanziato il progetto presentato dall’amministrazione comunale per il bando “Cantieri aperti”. L’importo complessivo dei lavori è di circa 190.000 euro e consentirà di sostituire i vecchi infissi e collocare una nuova recinzione sul muretto di cinta che circonda l’istituto. I lavori assicurano una migliore vivibilità delle aule e degli spazi destinati ad attività di supporto alla didattica. Inoltre, in questo modo sarà possibile garantire un alto grado di efficienza energetica, mentre la recinzione contribuirà a rafforzare la sicurezza dell’ambiente, lasciando i più piccoli al riparo da ogni pericolo. 13015672_10207483675143293_5812037837826609760_n-600x391

L’amministrazione di Montale merita un sentito ringraziamento per la determinazione con la quale sta portando avanti un grande impegno in favore della scuola. L’istituto primario nella frazione di Stazione, gravemente danneggiata dal maltempo del 5 marzo 2015, sarà demolito e ricostruito secondo principi di bioedilizia; molto presto, inoltre, ripartiranno anche i lavori all’asilo nido. Queste scelte, insieme al tentativo di mantenere anche la scuola di Fognano e alla riqualificazione di quella di Tobbiana, descrivono la ferma volontà di dare nuovo slancio ai presidi scolastici e di mantenere in vita un servizio essenziale per le alle famiglie. I progetti avviati saranno portati a termine, grazie all’impegno della giunta e alla capacità di attrarre risorse e nuovi investimenti, come dimostrato per molte opere in questi primi due anni di mandato.

AGLIANA: RISTRUTTURATA LA PALESTRA ALLA SCUOLA “RODARI”

Anche ad Agliana, sono iniziati i lavori per la realizzazione della nuova palestra della scuola “Gianni Rodari”. La palestra, completamente rinnovata, sarà a disposizione degli studenti e delle associazioni sportive a partire dal nuovo anno scolastico. L’opera, che comprende una nuova pavimentazione e illuminazione a basso consumo, doterà la città di uno spazio adeguato e moderno.

giuntabanner-600x227

È davvero senza sosta l’impegno del governo e del Partito Democratico per costruire, insieme, una Scuola migliore. Matteo Renzi ha posto questo obiettivo fra le priorità del proprio mandato a Palazzo Chigi e stanno arrivando risultati concreti.

Parte oggi, inoltre, il concorso che porterà all’assunzione di 63.000 nuovi docenti di ruolo. A queste vanno aggiunte le 90.000 stabilizzazioni già avvenute nei mesi scorsi e le 30.000 dei prossimi tre anni. Significa che, in pochi anni, grazie a “La Buona Scuola”, saranno assunti in modo stabile circa 180.000 insegnanti, che porteranno nel mondo della Scuola entusiasmo, nuove competenze e capacità. 

Il piano di assunzioni del governo conferma il grande impegno contro la precarietà e rappresenta un cambio di passo epocale. La politica ha il dovere di occuparsi di queste urgenze, lasciando da parte le polemiche e questioni che non interessano ai cittadini. Andare avanti con gli investimenti nella formazione dei ragazzi è decisivo, in modo da formare una nuova generazione di cittadini liberi e consapevoli. Da questa sfida dipende il futuro dell’Italia. 

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Share on TumblrShare on LinkedInPin on PinterestEmail this to someonePrint this page

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.


4 − uno =

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

email-32facebook-43wikipedia youtube-21